Un investigatore privato per combattere l'abusivismo


Categoria: News  Data: 23-02-2015

Il Consiglio Regionale Fiaip del Veneto approva la proposta del Presidente Regionale Moreno Marangoni e istituisce un centro investigativo per combattere il dilagante fenomeno di chi esercita abusivamente la professione di agente immobiliare e mediatore del credito

Fiaip Veneto, in occasione del suo ultimo consiglio regionale svoltosi a inizio di febbraio, ha varato il suo piano per la lotta all’abusivismo. Poiché la prevista norma contro l’abusivismo nelle professioni tarda a essere varata, e la legge punisce chi opera abusivamente solo alla terza segnalazione, –forse perché alcuni "eccellenti" abusivi fanno passare alcune mazzette per mediazioni-  considerato che l’attesa riforma, passata al senato ancora lo scorso anno, prevede sì una punizione ma dalla seconda volta in cui tali soggetti operano illegalmente. -Si parla di sanzioni dai 10.000 ai 50.000 Euro, oltre alla restituzione delle provvigioni che sono state intascate abusivamente e in alcuni casi sono previsti fino  a un massimo di ventiquattro mesi di reclusione-.

Fiaip Veneto, dopo una lunga e articolata discussione che ha visto sensibili e partecipi ai lavori una larga maggioranza dei componenti del consiglio, ha aderito e approvato la proposta del Presidente Regionale Moreno Marangoni che prevede il monitoraggio del territorio contro gli operatori abusivi dell'intermediazione immobiliare e del credito, e l’istituzione di un centro di raccolta informazioni. Le segnalazioni e i dati raccolti, saranno incrociati con quelli della camera di commercio. A riscontro avvenuto, Fiaip Veneto incaricherà un’agenzia investigativa per la raccolta delle prove, inviando il materiale ricavato direttamente alla Procura della Repubblica o, secondo i casi, all’Ufficio Nazionale Antiabusivismo Fiaip (UNAF). Infatti, secondo Marangoni: "segnalare chi non ha un’attività rintracciabile e chi evade il fisco a svantaggio di molti onesti agenti immobiliari e mediatori creditizi, probabilmente non risolverà alla radice il problema, ma certamente renderà più rischiosa l’attività di chi opera Abusivamente."

Fiaip Veneto 

Powered by